Contatti

Nella tempesta, speranza.

Oh mia bella Italia, terra della speranza. Sei venuta in mio soccorso nel mare blu quando la mia speranza era completamente persa. La barca stava affondando. La gente stava annegando e la speranza di sopravvivere sembrava ormai persa. Ma improvvisamente una nave si presentò davanti a noi, con la bandiera italiana. Ci hai salvati tutti, … Continua a leggere Nella tempesta, speranza.

SALVATI E CONNESSI

Lampedusa, lunedì mattina, due giorni dopo l’ennesimo naufragio. Solo a riflettori spenti puoi guardare negli occhi e ascoltare il cuore di persone che invece, nella concitata e strutturata “operazione di soccorso”, resta ovviamente ad una certa distanza da te. Ieri, solo una manciata di ore fa, eravamo al molo Favarolo ad aspettare le imbarcazioni della … Continua a leggere SALVATI E CONNESSI

Al ritmo del cuore

Fa girare aria buona ed entrare in sintonia. Quando tutti i cuori battono alla stessa lunghezza d’onda la lingua e il colore della pelle hanno un’importanza secondaria. È questa la mia esperienza nel gruppo di percussioni Bo.Ro.Fra nato da operatori e ospiti della cooperativa Porto Allegre di Rovigo. Quando sei lontano da casa sentire la … Continua a leggere Al ritmo del cuore

LA TENDA DEL TE’

Katiba aveva notato la loro assenza, più di una volta e parlandone con Fatima e Lucrezia avevano concluso che ci voleva un luogo d’incontro per spingere le donne straniere a partecipare di più. Le grandi e accoglienti tende montate nel deserto magrebino potevano suggerire l’idea giusta, che si è concretizzata nel 2017: una volta al … Continua a leggere LA TENDA DEL TE’

Badu. Il cortile del mondo

Abbiamo tante volte provato ad immaginare, caro Badu, il tuo viaggio pericoloso e duro, da un paese ad un altro, col tuo papà, per salvarvi la vita e non dovremmo certo usare la stessa espressione quando partiamo per una vacanza,  magari convinti che sia alternativa, impegnativa o avventurosa. Noi, che prendiamo il trolley per l’aeroporto, … Continua a leggere Badu. Il cortile del mondo

AKHMAD. HO FOTOGRAFATO L’INFERNO

sdr A Baghdad non gli mancava nulla, ma il suo paese è stato sempre depredato da tutti: dagli americani e dall'Isis che hanno reso impossibile la sua vita, anzi la loro, visto che Akhmad è papà di quattro meravigliose bambine. Sono fuggiti insieme, per terra e per mare. Ad ogni violenza subita e prova superata, … Continua a leggere AKHMAD. HO FOTOGRAFATO L’INFERNO