VERSO BARI 02.10  Economia dell’immigrazione

La Giornata di Bari del 2 ottobre 2021 non trascurerà le conseguenze del fenomeno migratorio in Italia sull’economia. Il decimo Rapporto della Fondazione Moressa.

Enrico Di Pasquale, Fondazione Leone Moressa (Da Mosaico di pace)

Quando nel 2011 la Fondazione Leone Moressa pubblicò il I Rapporto annuale sull’economia dell’immigrazione, gli esperti del settore consideravano già l’immigrazione come una “componente strutturale” della società e dell’economia in Italia e in Europa. In pochi, tuttavia, potevano immaginare il peso che i fenomeni migratori avrebbero avuto all’interno del dibattito pubblico negli anni a venire.

Nell’ultimo decennio l’immigrazione è diventata uno dei temi centrali dell’agenda politica, anche se ancora oggi se ne parla in termini di “emergenza”.

Una non-gestione

Nel 2010 gli stranieri residenti in Italia erano 3,6 milioni, pari al 6,2% della popolazione. Oggi la presenza straniera (regolare) è aumentata di oltre il 40% e rappresenta l’8,8% della popolazione totale. Sebbene in continuo aumento, nell’ultimo decennio la popolazione straniera è cresciuta ad un ritmo inferiore rispetto al decennio precedente (nel 2002 gli stranieri erano appena 1,3 milioni, il 2,4% della popolazione).

In particolare, il numero di occupati stranieri è aumentato a un ritmo molto basso, rimanendo nell’ultimo decennio sempre compreso tra 2 e 2,5 milioni. Ciò significa che la causa principale dell’aumento di residenti stranieri non sono stati gli ingressi per lavoro, quanto invece altri fattori: specificatamente i nuovi nati e i ricongiungimenti familiari.

Possiamo infatti affermare che, dal punto di vista dell’economia dell’immigrazione, il fatto principale di questo decennio sia rappresentato dalla drastica riduzione degli arrivi per motivi di lavoro (permessi di soggiorno dei cittadini non comunitari), passati da circa 350 mila nel 2010 a circa 11 mila nel 2019 (-97%).

La natura di questo calo è sostanzialmente politica: nel quadro normativo attuale, gli ingressi dei cittadini non comunitari sono decisi annualmente (c.d. “decreti flussi”); a partire dal 2011, a causa della crisi economica, si è ritenuto che l’economia italiana non avesse più bisogno di manodopera straniera, nella speranza che quei posti di lavoro venissero occupati dagli italiani disoccupati.

Si trattava però di una convinzione errata, come dimostrato dai fatti: non solo il numero di disoccupati italiani non è diminuito (avendo essi caratteristiche diverse rispetto alle mansioni richieste dal mercato), invece è aumentato il numero di lavoratori stranieri irregolari (con conseguenze sociali quali lo sfruttamento e il caporalato).

Inoltre, la chiusura dei canali di ingresso legali ha contribuito a favorire gli ingressi irregolari, poi confluiti nel sistema di accoglienza attraverso la richiesta d’asilo.

Osservando l’andamento dei permessi di soggiorno negli ultimi dieci anni, dunque, abbiamo assistito a un calo complessivo dei nuovi ingressi e a un cambiamento nella tipologia degli stessi: non più lavoratori, ma soprattutto richiedenti asilo e familiari di chi un lavoro lo aveva trovato cinque io dieci anni prima.

Gli sbarchi

Questo ci porta all’altro grande fenomeno di questo decennio, ovvero gli sbarchi di migranti nel Mediterraneo. Già nel 2011 si parlava di “emergenza” riferendosi ai 64 mila giunti via mare in Italia, principalmente a seguito delle cosiddette Primavere Arabe. Quel numero sarebbe quasi triplicato da lì a pochi anni: 170 mila nel 2014 e 180 mila nel 2016. Il fenomeno, poi ridotto nei numeri a seguito degli accordi tra Italia e Libia del 2017, ha caratterizzato non solo il dibattito pubblico sull’immigrazione ma anche la gestione delle politiche migratorie e di integrazione.

È indubbio, infatti, che l’attenzione dell’opinione pubblica e dei media si sia focalizzata molto più sulle tematiche dell’accoglienza che sulle politiche migratorie vere e proprie (canali di ingresso legali) e sulle politiche di integrazione di coloro che erano già presenti in Italia. I dati evidenziano la diversa dimensione dei due gruppi: basti pensare che, ad oggi, i migranti accolti nelle strutture di accoglienza sono circa 80 mila, uno ogni 67 stranieri regolarmente residenti.

Il terzo elemento chiave della politica migratoria italiana sono indubbiamente le “sanatorie”, ovvero regolarizzazioni “a posteriori” di persone già presenti (irregolarmente) sul territorio. Complessivamente, dal 1987 ad oggi le “sanatorie” hanno coinvolto oltre 2 milioni di stranieri. L’ultima proprio nell’estate 2020, a seguito dell’emergenza sanitaria dovuta alla pandemia di Covid-19.

A ulteriore riprova della gestione “emergenziale” dell’immigrazione in Italia, basti pensare che la legge di riferimento è del 2002 (Bossi-Fini), sorta in un momento storico molto diverso da quello attuale.

Chi sono

Le principali nazionalità presenti in Italia non sono quelle coinvolte negli sbarchi via mare (Nigeria, Tunisia, Ghana, Somalia, Etiopia), ma comunità ormai radicate in Italia da oltre 15 anni: Romania, Albania, Marocco, Cina, Ucraina. Peraltro, il 50% degli stranieri viene da un paese europeo e il 30% da un paese Ue. Vi è, inoltre, una prevalenza di donne (52%), ovviamente più accentuata tra i Paesi dell’Est Europa.

La popolazione straniera in Italia ha caratteristiche molto diverse rispetto alla popolazione autoctona, a partire dalla struttura demografica: tra gli stranieri, solo il 4,9% ha più di 65 anni, mentre tra gli Italiani un quarto della popolazione. L’età media, di conseguenza, è 34,8 anni per gli stranieri e 46,2 per gli italiani.

Questo, evidentemente, ha forti ripercussioni economiche e fiscali.

Prospettive e opportunità

Come ben approfondito nelle ultime due edizioni del Rapporto, la situazione demografica italiana è drammatica. Solo per citare alcuni dati, dal 1977 il tasso di fecondità è sceso al di sotto dei 2 figli per donna (soglia del ricambio generazionale) e dal 1993 il saldo tra nati e morti è quasi ininterrottamente negativo. E, ancora, la quota di over 60 ha raggiunto nel 2019 il 27,9% della popolazione, molto vicina al 30% considerato la soglia del “non ritorno demografico”.

Nei primi anni 2000 la componente straniera ha rallentato questo declino, ma ora anche quel contributo è diminuito. Le famiglie straniere fanno meno figli e, naturalmente, invecchiano. A meno di radicali riforme di sistema, l’invecchiamento demografico e le scarse opportunità per i giovani sembrano fenomeni ineluttabili.

Naturalmente l’immigrazione non può essere “la soluzione” a questi problemi, ma non è neanche “il problema”. Se provassimo a immaginare l’Italia fra altri dieci anni, difficilmente potremmo pensare a un paese senza stranieri: più facile, invece, immaginare un paese con più interazioni e sinergie tra persone di diversa provenienza, come peraltro già avviene nei paesi che prima di noi hanno avuto esperienza migratoria.

Già oggi il contributo degli immigrati all’economia nazionale si compone di un saldo fiscale sostanzialmente positivo e di un’incidenza sul PIL stimata intorno al 9%. Il fatto che la popolazione straniera sia mediamente più giovane di quella italiana (tenuto conto che l’Italia è tra i paesi più anziani al mondo) fa sì che l’impatto sulla spesa pubblica sia molto basso, specie su due voci molto consistenti come sanità e pensioni.

Tra le sfide che il nostro paese dovrà gestire nei prossimi anni, dunque, non va dimenticata l’integrazione degli immigrati, ora più che mai necessaria per la ripresa. I problemi non sono dati dalla migrazione in sé, quanto da una non-gestione della stessa o, per dirla in altri termini, da politiche inadeguate. Tuttavia, per poter definire politiche efficaci e durature è necessario avere una conoscenza approfondita dei fenomeni, basata su dati e analisi attendibili. Il ruolo di un istituto di ricerca come la Fondazione Leone Moressa è dunque di mantenere la corretta misurazione dei fenomeni al centro del dibattito, favorendo un’analisi obiettiva e razionale che esca dalla stucchevole polarizzazione “pro” o “contro” l’immigrazione e che aiuti invece a capire quali sono, all’interno di un fenomeno complesso, gli elementi positivi (da valorizzare) e quelli negativi (da correggere).

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...