Incontri tardivi

Li incrocio in calle ed è impossibile non notarli. Gli strumenti appoggiati a terra, per avere le mani libere e potersi abbracciare. Felici di ritrovarsi dopo tanto tempo.

“Siete tornati. Come state? E i ragazzi a casa?” È un intreccio di domande e risposte, e di abbracci delicati e rispettosi. Di quelli che si scambiano le persone di una certa età.  Chiedono notizie dei reciproci figli, dei nipoti.

Li chiamano per nome.

“Ti ha fatto bene tornare a casa per un po’. Si vedeva che eri stanco. Hai un bel viso riposato adesso.”

Hanno tutti l’età per essere già nonni.

Mentre parlano sorridono tutti e quattro. Gli occhi lucidi. I loro, i miei.

Si salutano. Non posso fare a meno di salutarli anche io. “Che bell’incontro tra amici – gli dico piano- buona giornata” Mi esce così. Mi rispondono con sorriso.

La bella signora coi capelli bianchi, cappotto e borsetta lentamente si allontana.  Stringe il marito a braccetto. Andranno a casa, penso.

I due musicisti di strada nelle loro giacche un po’ fuori taglia riprendono gli strumenti e iniziano a suonare. Il loro cammino verso casa è più lungo. Ma oggi, sono sicura, qualcuno li ha fatti sentire meno distanti.

APRILE_VOLTI RIVOLTI 10.4.18

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...